null Incontri bilaterali Puglia - Albania: la cultura dell’innovazione per la crescita dei territori transfrontalieri

Incontri bilaterali Puglia - Albania: la cultura dell’innovazione per la crescita dei territori transfrontalieri

Trasformazione digitale, nuove competenze tecniche per le imprese, connettività e Corridoi transeuropei, start up innovative, economia creativa, investimenti green e management dei fondi IPA. Queste le tematiche strategiche emerse nel corso della missione istituzionale della delegazione albanese, svoltasi il 17 e il 18 giugno scorsi, tra Bari e Lecce. Una due giorni promossa dall’Assessorato allo Sviluppo economico della Regione Puglia, che si inserisce nel quadro delle consolidate relazioni tra Puglia e Albania, e che ha rappresentato un’occasione di confronto a largo spettro sulle opportunità di cooperazione e su progettualità innovative transfrontaliere anche in vista della Programmazione Europea Interreg IPA 2021 – 2027. La visita, a cui hanno partecipato il vice Ministro delle Infrastrutture ed energia, Etjen Xhafaj, il consigliere della Ministra degli Esteri, Maklen Misha, e il direttore del Programma IADSA, Ismail Ademi, è stata organizzata dalla Sezione Cooperazione Territoriale con il supporto dell'Antenna di Tirana e guidata dall’assessore allo Sviluppo Economico, Politiche Internazionali, Energia, Ricerca, Alessandro Delli Noci e dalla Direttora del Dipartimento Sviluppo Economico, Gianna Elisa Berlingerio.

Fitta l’agenda degli incontri con i rappresentanti istituzionali e dei settori di interesse per lo sviluppo di nuove partnerhip: a Bari con il capo di Gabinetto della Giunta regionale, l’Autorità di gestione del Programma IPA CBC IT-AL-ME, l’Agenzia regionale per lo sviluppo ecosostenibile del territorio (ASSET), con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, con il Dipartimento e le Agenzie regionali che operano nei settori cultura e turismo, con il mondo accademico e della formazione tecnica superiore. A Lecce la visita al campus universitario ECOTEKNE di Unisalento, ai laboratori di CNR–Istituto di Nanotecnologie e al Centro Euromediterraneo per i Cambiamenti Climatici (CMCC), e gli incontri con il Distretto Tecnologico Aerospaziale (DTA) e il Ciheam.

La necessità di avviare un nuovo corso nelle politiche di cooperazione è emersa da comuni interessi: l’accompagnamento alle politiche di preadesione deve proseguire all’insegna di una partnership strutturata fra la Regione Puglia e le competenti Autorità nazionali albanesi per indirizzarle al corretto utilizzo dei fondi europei ed al processo di trasformazione digitale.

Altro tema prioritario, l’innovazione per il lavoro: la sperimentazione di ITS transfrontalieri rappresenta il punto di partenza per costruire un percorso comune di rafforzamento della competitività delle imprese, con particolare riferimento alle PMI. Cruciale anche lo sviluppo delle competenze nel settore digitale: strutturare corsi di istruzione/formazione superiore e attivare una Academy per il digitale sarà funzionale ad intercettare la richiesta di risorse umane nei settori di maggiori interesse quali l’ICT, la robotica, l’AI, la manutenzione e il controllo dei sistemi industriali.

Focus di grande interesse quello su connettività ed i Corridoi transeuropei: la Connectivity Agenda è fondamentale per lo sviluppo dei Balcani in ottica europea. In tale contesto, i Corridoi trans europei che attraversano i Balcani nelle direttrici est – ovest e nord – sud sono di diretto interesse per la Puglia e l’Albania per il flusso di merci e persone che passa dai porti di Bari, Brindisi, Durazzo, Schengjin e Valona (e Bar in Montenegro). La Puglia inoltre, si candida a rivestire ruolo strategico all’interno del corridoio orizzontale che dal mar Tirreno arriva all’Adriatico per il collegamento diretto con i Balcani e con l’oriente, oltre a rappresentare  un asse che - nell’ambito del trasporto intermodale - consente alle merci di raggiungere i mercati dell’Europa centro-settentrionale con un giorno e mezzo in meno di navigazione.

Dalla panoramica sulle strategie di valorizzazione del patrimonio culturale e di promozione turistica del territorio, è emerso il concetto dell’economia creativa come fulcro di tutte le policy di cooperazione, soprattutto per quanto riguarda la fascia giovanile, supportando lo start up di imprese culturali innovative con soluzioni organizzative e tecnologiche che consentano di creare ed acquisire valore. Inoltre, la partecipazione attiva della Puglia all’iniziativa di Tirana capitale europea della gioventù 2022 rappresenta un’occasione importante di scambio e contaminazione culturale. Per quanto attiene alla dimensione turistica, tra le soluzioni più significative, il Gaming, per la promozione del patrimonio culturale attraverso l’innovazione tecnologica e gli educational tour improntati ad un turismo esperienziale attraverso i luoghi, le tradizioni, l’enogastronomia dei territori.

Pubblicato il 01 luglio 2021